House flipping: come vendere rapidamente una casa “poco appetibile”

Come trasformare una casa che risulta poco interessante sul mercato?
L’house flipping è una tecnica che permette di evidenziare tutte le
potenzialità dell’immobile, sottolineando le possibilità di margine
di rendimento.

house flipping casa da ristrutturare prima e dopo

L’house flipping, termine proveniente dal mercato statunitense,
identifica la procedura di acquisto a basso prezzo di un immobile,
la relativa ristrutturazione e, in conclusione, la sua vendita a prezzo
superiore, ma comunque inferiore alla media di mercato.
Il tutto anche grazie a una specifica agevolazione fiscale.
Ci sono oggi varie piattaforme di investimento che permettono di
investire in questo genere di transazioni, ne sono esempi
Fellow Funders e Viflip, che propongono appartamenti con
caratteristiche che li rendano interessanti, quali la metratura,
che tendenzialmente va dai 46 ai 60 metri quadri, con prezzo tra
i 200 e 250 mila Euro in base alla zona e con caratteristiche
attrattive in termini di design e struttura, come la presenza di
soffitti alti, luminosità e la presenza di giardini e spazi di sfogo
esterno, sempre più apprezzati in quest’ultimo periodo.

house flipping buy renovate resell

Per chi è conveniente l’house flipping?

La maggior parte delle case vendute con questa tecnica,
sono acquistate da investitori per l’affitto standard o
l’affitto vacanze.
Questi investitori sono interessati al margine di redditività
proveniente dai prezzi inferiori di mercato e quindi
dall’opportunità di realizzare un investimento meno
vulnerabile dalle oscillazioni del mercato.
Spesso, vista la scarsità di immobili che si possano prestare
a questo tipo di attività, in molti centri urbani, si ricorre
alla conversione di locali commerciali in immobili
ad uso abitativo.
In linea teorica tutti potrebbero fare un investimento
di questo tipo, in pratica però, è fondamentale avere accesso
all’utilizzo di professionisti partner che si occupino, a prezzi
inferiori alla media, della ristrutturazione e della gestione e
risoluzione di tutte le problematiche tecnico-urbanistiche
a cui si va spesso in contro: si lavora con i margini e
bisogna fare molto bene i conti, prima di avventurarsi
in un operazione di questo genere.


Il mercato immobiliare a Milano: la tendenza delle quotazioni in salita

Con la pandemia, ci sono stati una serie di cambiamenti nell’andamento del
mercato immobiliare, dal calo momentaneo della richiesta degli affitti brevi,
causato soprattutto dalla minore presenza degli studenti, dei lavoratori in
trasferta e dei turisti, alla richiesta concentrata ora nuovamente,
sulle metrature più grandi.
Quest’ultima è una tendenza a livello nazionale: dopo il lockdown, è sempre
più importante, per i potenziali acquirenti, disporre di una casa con maggiori
comfort.
Chi dispone quindi di una maggiore liquidità, cerca in zone ora più
decentrate, dove si può trovare una casa a prezzi più abbordabili per Milano,
più grande, luminosa e vivibile.
Chi invece ha possibilità più ridotte, punta all’hinterland.

Milano parco Sempione

La domanda sugli immobili di pregio, è ormai ripartita: lo confermano i report di
Engel & Volkers e Nomisma.
In tutte le aree dove le case hanno quotazioni di almeno 5000 Euro al metro
quadro, si registrano aumenti di prezzo.
Allo stesso modo aumenta anche il gap tra gli immobili di qualità e quelli di minore
appeal e questo vale soprattutto nella cerchia dei Navigli.
Nel quadrilatero, la differenza di una casa con caratteristiche di pregio e ristrutturata
e una da rifare, arriva fino a 10.500 Euro al metro quadro e in Piazza Sant’Ambrogio
fino a 8.800 Euro.

Andamento prezzi nel mercato immobiliare a Milano


E’ emerso dunque, che chi oggi può spendere 5.200 Euro al metro quadro, tende
ad acquistare nelle zone di San Siro e Bande Nere.
Allo stesso modo, in zone prima considerate di periferia estrema, come Vigentino,
fino all’area dello IEO, Santa Giulia e Cascina Merlata, aumenta l’interesse di chi
sta cercando casa.

A fronte dell’aumento dei prezzi per l’acquisto, i canoni di affitto invece, nelle aree
di pregio, stanno scendendo, soprattutto a causa dell’eccesso dell’offerta,
anche perché, come già detto, sono oggi disponibili molti immobili di grandi
metrature prima destinati in gran parte agli affitti brevi.

L’aumento prezzi però sta registrando un incremento leggero del 0,6%, rispetto
alla prima metà del 2019 e in città, nel primo semestre, sono state vendute
13.274 abitazioni.
A livello nazionale invece, l’aumento è stato del 21,7% sul 2019.
Con l’aumento della richiesta verso l’hinterland, la richiesta di prezzo di chi vende
ora abitazioni che non rientrano negli standard di alta qualità, faticano a incontrare
una domanda media, che tende a non oltrepassare i 5000 Euro al metro quadro.

Giovani che comprano casa a Milano

Questo vale soprattutto per i giovani, che nonostante i provvedimenti di
governo, che agevolano l’acquisto con condizioni agevolate, in periferia
riescono ad accedere al massimo all’acquisto di un bilocale, mentre
in una buona periferia, riescono già a comprare un trilocale.
Sicuramente anche questo aspetto porta un nuovo impulso al mercato
cittadino, se i venditori non pretendono prezzi troppo spinti.

Laqua: la famiglia Cannavacciuolo lancia 3 nuovi Resort

Lo chef Antonino Cannavacciuolo e la moglie Cinzia lanciano la loro idea di resort
con il progetto Laqua Resorts, costituito di tre strutture in tre differenti contesti:
By the Lake, sul Lago d’Orta; By the Country tra le colline campane di Ticciano;
By the Sea a Meta di Sorrento, il paese originario dello chef Antonino.
Le prime due strutture, sono nuove e apriranno nell’estate 2021, mentre
il resort sul mare è già attivo dal 2012, ma è stato ristrutturato ed adeguato
alla nuova concezione di resort.

Laqua by the Lake di Antonino Cannavacciuolo


Laqua by the Lake, è stato progettato dallo studio di Architettura Primatesta,
con particolare attenzione alla sostenibilità: è infatti presente un generatore
ibrido in pompa di calore, che sfrutta direttamente l’acqua del lago,
per produrre energia elettrica e una rete di raccolta dell’acqua piovana e
di falda, per irrigare il parco è formato da 16 appartamenti e 2 attici, con
cucina, terrazzo e area living.
Molta attenzione è stata riposta negli interni, facendo in modo che si
integrassero con la natura circostante.
Non mancano l’area fitness, la spa, il beach club con la piscina riscaldata
a sfioro e il bar.
Ovviamente il soggiorno sarà sempre accompagnato dal movimento della
musica jazz dal vivo, cocktail e da una scelta di piatti firmati direttamente
dallo chef.
Vengono fornite anche auto elettriche e colonnine di ricarica, a disposizione
per gli ospiti.

Countryside Ticciano Sorrento chef Cannavacciuolo Resort


A Ticciano, il primo ristorante dello chef in Campania, che offre materie prime selezionate
direttamente dallo chef e provenienti in parte da produttori locali e in parte dalla
coltivazione nell’orto e nel frutteto della struttura.
6 camere vista mare, giardino, pergolato, oppure borgo; piscina, cantina e a breve anche
l’area benessere.
Ognuna delle camere ha una sua storia, a rendere ancora più interessante il soggiorno.

Laqua by the Sea resort Meta di Sorrento chef Antonino Cannavacciuolo

In questo caso si tratta di un rinnovo, perché il resort esiste già dal 2012:
è stato fatto quindi un vero e proprio restyling per creare l’atmosfera moderna,
sostenibile e rilassante del progetto Laqua Resorts, che in questa struttura conta
6 camere con letti king size, vasca idromassaggio privata e terrazza,
riprogettate seguendo le regole del Feng Shui.
L’area benessere offre sauna, piscina con acqua salata riscaldata e
doccia tropicale in cromoterapia.

Insomma lo chef punta sull’ospitalità e questa è sicuramente una caratteristica
che non manca nella sua personalità e nelle sue origini: questo “tris”… sarà un successo!

HAI BISOGNO DI UNA CONSULENZA IMMOBILIARE O DI ARCHITETTURA?
VUOI UNA VALUTAZIONE RAPIDA E DETTAGLIATA DEL TUO IMMOBILE

CHIEDERE NON COSTA NULLA

SCRIVIMI UNA RICHIESTA VIA FORM QUI

Chiama subito Federico Musio
Consulente subito disponibile per qualsiasi informazione

La riqualifica di un’icona architettonica degli anni ’50

Edificio La Nave architetto Luigi Moretti
Edificio La Nave architetto Luigi Moretti

Park Associati ha effettuato un intervento di restyling per valorizzare un’icona
architettonica di Milano degli anni ’50:
un complesso immobiliare su due corpi di fabbrica in Corso Italia, progettato
dall’architetto Luigi Moretti.

Corso Italia edificio Milano anni 50
Corso Italia edificio Milano anni 50

Si è quindi partiti da uno studio dell’archivio storico dell’architetto, per capire
le origini del progetto e la sua evoluzione nel tempo e si è potuto capire che
l’edificio più alto del complesso, detto “La Nave”, sia stato realizzato
esattamente come previsto dal progetto originale di Moretti, mentre l’edificio
più basso, sia stato oggetto di varie modifiche al progetto di base.

Il nuovo progetto è stato molto rispettoso del complesso originale, prevedendo
non uno stravolgimento, ma l’intento di dare risalto a un edificio considerato
iconico nella città.

La Nave marcapiano edificio di Morelli nella sua riqualifica
La Nave marcapiano edificio di Morelli nella sua riqualifica

Il nome dell’edificio più alto (“Nave”) è stato ispirato dal fatto che si poggia
su quello più basso, dando la forma di una prua che sfonda visivamente lo
spazio verso la strada: l’effetto è davvero imponente.
La facciata è ricoperta da tessere di mosaico in marmo bianco e la luce è
stato il fulcro degli interventi architettonici, che si sono concentrati sulle
parti comuni e su alcuni piani destinati agli uffici.
Di sera, le linee marcapiano orizzontali vengono enfatizzate
dall’illuminazione che fornisce carattere all’edificio e un effetto di
“galleggiamento” del volume sulla base sottostante, come appunto in
una vera e propria nave.

La riqualificazione è quindi partita dai disegni originali di Moretti, andando
poi a sottolineare i segni marcapiano orizzontali e le finestre che,
sono evidenziate di sera, grazie a delle lamelle scatolari in alluminio
microforato, dotate di illuminazione.

L'illuminazione fulcro della valorizzazione del progetto di riqualifica del complesso
L’illuminazione fulcro della valorizzazione del progetto di riqualifica del complesso

All’interno invece, tutti gli spazi degli uffici sono stati ridisegnati in ottica di
flessibilità, ricercando una qualità dello spazio, anche con interventi sugli
impianti, l’illuminazione e la climatizzazione.

Edificio corso Italia Milano riqualifica del tessuto urbano progetto di Park Associati
Edificio corso Italia Milano riqualifica del tessuto urbano progetto di Park Associati

Continua quindi l’evoluzione della city, con il rispetto per le eccellenze storiche
nella sfera architettonica e del design che toccano il tessuto urbano, verso
una città che è sempre più proiettata verso il futuro.

HAI BISOGNO DI UNA CONSULENZA IMMOBILIARE O DI ARCHITETTURA?
VUOI UNA VALUTAZIONE RAPIDA E DETTAGLIATA DEL TUO IMMOBILE

CHIEDERE NON COSTA NULLA

SCRIVIMI UNA RICHIESTA VIA FORM QUI

Chiama subito Federico Musio
Consulente subito disponibile per qualsiasi informazione

A Milano la prima metro 5G d’Europa nella M4!

5G la prima metropolitana che avrà la tecnologia è a Milano
5G la prima metropolitana che avrà la tecnologia è a Milano

M4 Spa e Inwit svilupperanno la connettività mobile nella nuova tratta metropolitana
Linate-Forlanini. I lavori si finiranno nel primo semestre del 2021.

Metropolitana 5G tratta Linate Forlanini
Metropolitana 5G tratta Linate Forlanini

A Milano, ancora una volta, ci si proietta nel futuro: nella “piccola mela” infatti,
c’è ancora più sentore di smart-city:
avremo una linea metro M4 all’avanguardia, perché sarà la prima d’Europa
con il 5G.
Lo annunciano M4 Spa e l’azienda Inwit, che hanno sottoscritto un accordo per
sviluppare la connettività mobile nella nuova tratta Linate-Forlanini.

Inwit, con l’impianto DAS (Distributed Antenna System) renderà ottimale la ricezione
del segnale mobile dei diversi operatori nelle stazioni e nelle gallerie per tutti
gli attesi passeggeri (ben 86 milioni all’anno), che percorreranno il tratto da e verso
l’aeroporto di Linate.
I lavori per la realizzazione del progetto, inizieranno con la copertura della tratta
iniziale della linea, per poi proseguire insieme alla realizzazione di tutta la tratta
della metropolitana.

M4 con la prima rete 5G metropolitana d'Europa
M4 con la prima rete 5G metropolitana d’Europa

La linea di questa metro Linate-Forlanini avrà quindi la tecnologia di quinta generazione
già a partire dalla sua inaugurazione.
Si tratterà quindi della prima metropolitana in Europa pronta per il 5G.
Le micro-antenne di Inwit sono di dimensioni molto ridotte e si possono adattare
facilmente a qualsiasi ambiente.
L’Ad di Inwit, Giovanni Ferigo dichiara che questo è un grande passo verso il futuro,
che permette la prosecuzione dell’impegno per abilitare le infrastrutture digitali
nel Paese a supporto degli operatori mobili e dei loro fruitori.
Insomma, smartphone, tablet e pc saranno ancora più veloci, tanto da permettere
anche un po’ di “metro-working” durante il viaggio!

HAI BISOGNO DI UNA CONSULENZA IMMOBILIARE O DI ARCHITETTURA?
VUOI UNA VALUTAZIONE RAPIDA E DETTAGLIATA DEL TUO IMMOBILE

CHIEDERE NON COSTA NULLA

SCRIVIMI UNA RICHIESTA VIA FORM QUI

Chiama subito Federico Musio
Consulente subito disponibile per qualsiasi informazione

San Francisco: una casa spostata di quasi un chilometro!

Il video dello spostamento della casa vittoriana a San Francisco

In una domenica come un’altra, in pieno centro a San Francisco, è stata spostata
una intera casa vittoriana dell’Ottocento:
nel senso che è stata proprio spostata tutta la palazzina per intero…
solo di qualche via e per un tragitto totale di 800 metri circa.

Trasloco case negli Stati Uniti: un operazione diffusa che questa volta ha coinvolto una intera palazzina

E’ stata ovviamente un operazione abbastanza complessa:
la casa è stata prima fatta scorrere su binari d’acciaio, poi trasportata su
enormi carrelli per qualche isolato con l’aiuto di due camion, uno davanti e uno dietro.
Lo spostamento ha evitato la demolizione della casa, che è nello specifico
un abitazione storica che esiste da ben 139 anni e che si trova a pochi isolati
dal municipio, vicino ai quartieri Castro e Mission.

Secondo KPIX 5, una televisione della CBS con sede a San Francisco, il proprietario
aveva intenzione di costruire sul sito della casa decine di nuovi appartamenti,
ma ristrutturare e ingrandire la vecchia casa di 139 anni, sarebbe stato molto difficile
e troppo costoso, rispetto a fare un intero palazzo nuovo.
Per questo ha comunque deciso di spostare la vecchia casa, piuttosto che abbatterla,
in quanto edificio storico.

Negli anni Sessanta e Settanta, periodo di grande sviluppo e rinnovamento urbano,
a San Francisco era comune che le case costruite nello stile nato nell’Inghilterra
del XIX secolo venissero spostate, per preservarne il patrimonio storico
e architettonico, ma questo non accadeva più dal 1974.
Molte altre case vittoriane, invece, vennero semplicemente demolite.

Ci sono molte aziende specializzate in questo tipo di spostamenti negli Stati Uniti e
a volte è davvero un peccato demolire alcuni immobili, se si può spostarli e
darli nuova vita.

Secondo il San Francisco Chronicle, si sono riunite per assistere allo spostamento
oltre 600 persone.
Ovviamente data la mole e gli ingombri, il trasloco è stato molto lento,
infatti ci sono volute ben 4 ore per percorrere la distanza totale.
Per la sicurezza dell’abitazione era necessario procedere lentamente,
soprattutto nella prima fase del tragitto, perché era in discesa.
La velocità masssima infatti raggiunta dai carrelli è stata intorno
ai 25 metri al minuto.

La società che si è occupata di spostarla è ovviamente già esperta in questo tipo
di operazioni, anche se uno dei dipendenti ha raccontato che è stato uno dei casi
più difficili da gestire, dato che la casa è lunga oltre 24 metri e ha dovuto svoltare
3 incroci.
Proprio per questo, nel percorso erano già stati tolti alcuni parchimetri, semafori
e cartelli stradali che sarebbe stati altrimenti di intralcio al passaggio del colosso.
Altri invece sono stati tolti durante il passaggio stesso, così come i rami degli alberi.

Per qualche ora il traffico è stato bloccato, infatti la casa ha fatto una parte
del percorso in contromano e i cavi della luce sono stati spenti per sicurezza.

Il proprietario della casa vittoriana è un broker di San Francisco a cui tutta l’operazione,
che ha compreso numerose spese fra i permessi da chiedere al comune e
il trasloco stesso, è costata complessivamente intorno ai 400mila dollari.

Molti abitanti di San Francisco che sono stati intervistati dai media locali,
hanno espresso la loro felicità nel poter preservare una casa di questo tipo
nel patrimonio urbanistico cittadino.

IL TRAGITTO EFFETTUATO DALLA CASA

Il tragitto della casa vittoriana spostata a San Francisco

Nel suo vecchio indirizzo, al numero 807 di Franklin Street, verrà costruito un palazzo
di otto piani con 48 appartamenti.
Il nuovo indirizzo della casa vittoriana invece sarà il 635 di Fulton Street,
dove verrà riorganizzata in abitazioni per famiglie: nessuna demolizione e
una nuova vita quindi!

HAI BISOGNO DI UNA CONSULENZA IMMOBILIARE O DI ARCHITETTURA?
VUOI UNA VALUTAZIONE RAPIDA E DETTAGLIATA DEL TUO IMMOBILE

CHIEDERE NON COSTA NULLA

SCRIVIMI UNA RICHIESTA VIA FORM QUI

Chiama subito Federico Musio
Consulente subito disponibile per qualsiasi informazione

Milano: anche con la pandemia…prezzi in crescita

CRESCITA MEDIA DEL 1,3%

Milano view. I prezzi mediamente in crescita oggi
Milano view. I prezzi mediamente in crescita oggi

Anche con la pandemia crescono a Milano le quotazioni delle case,
ma non nel centro:
nel 2020 è stata registrata una crescita media dell’1,3%, ma principalmente
fuori dal centro storico.
Nel centro invece il valore ha subito una piccola flessione negativa dello 0,4%.
Questo è emerso dalla Camera di Commercio di Milano, in collaborazione con Fimaa,
Assimpredil Ance, Fiaip Lombardia, Anama Milano, Isivi Milano, Ordine dei Geometri
della Provincia di Milano e altre associazioni di categoria ed ordini professionali
del settore.

Il prezzo medio al metro quadro a Milano si attesta a 5710,00 Euro al metro quadro.
La media della zona centro è di 10228,00 Euro al metro quadro,
rispetto ai 10272,00 Euro al metro quadro del 2019.

Nella zona nord invece, i prezzi passano da 4268,00 Euro al metro quadro
a 4335,00 Euro al metro quadro(+1,6%).
Nel quadrante meridionale troviamo la variazione più significativa, con i valori
che crescono fino a +5,5%.

Nella zona ovest si passa da 5159,00 Ero al metro quadro a 5177,00 Euro
al metro quadro(+0,3%).

In crescita anche la zona est, da 4575 Euro al metro quadro a 4704,00 Euro
al metro quadro(+2,8%).

Hinterland Milano valore immobiliare in crescita
Hinterland valori immobiliari in crescita

MAGGIORE CRESCITA NELL’HINTERLAND

Da Cologno Monzese a Bresso, da Cormano a Cusano Milanino,
crescono soprattutto nelle zone nord e nel quadrante est i prezzi
in alcuni centri nell’hinterland, con un andamento comunque
all’insegna della stabilità per quanto riguarda gli appartamenti nuovi.
L’attenzione degli operatori immobiliari si concentra ancora
una volta sulla qualità dei servizi offerti e sulla disponibilità di
zone verdi, attualmente molto richieste anche conseguentemente
all’emergenza sanitaria.

LE ZONE PIU’ CARE

I quartieri più cari di Milano rimangono comunque quelli del centro
città, con un piccolo ridimensionamento.
Nei quartieri Spiga – Montenapoleone siamo a 12800,00 Euro
al metro quadro(calo di 100 euro in un anno);
Vittorio Emanuele – San Babila a 12375,00 Euro al metro quadro
rispetto ai 12750,00 Euro al metro quadro di un anno fa;
zona Diaz con Duomo e Scala a 11700,00 Euro al metro quadro
rispetto a 11850,00 Euro al metro quadro;
zona Parco e Castello a 10850,00 Euro al metro quadro, in calo
anche questi di 100 Euro al metro quadro;
Cairoli e Cordusio a 10625,00 Euro al metro quadro rispetto
ai 10750,00 Euro al metro quadro precedenti.
Crescono invece le zone di Brera a 10500,00 Euro al metro quadro,
Nirone e S. Ambrogio a 9500,00 Euro al metro quadro, rispetto
ai precedenti 9050,00 Euro al metro quadro e oltrepassano
in valore gli immobili di Repubblica – Porta Nuova, che calano
di 125,00 Euro al metro quadro e di Venezia – Monforte,
che restano stabili a 9350,00 Euro al metro quadro.
Infine Largo Augusto passa da 8400,00 Euro al metro quadro
a 8450,00 Euro al metro quadro.

Aumento dei prezzi immobiliari in crescita zona per zona
Aumento dei prezzi immobiliari in crescita zona per zona

LE ZONE PIU’ IN CRESCITA

Al primo posto C’è Greco, registra un +17,2%;
Corvetto a +16%;
Zona Solari – Napoli a +15%;
Piazza Udine a +14,3%; Forlanini e Mecenate +12,4%;
Musocco – Villapizzone a +11,8%;
Lambrate a +11,5%;
Brianza – Pasteur a +7,4%;
Bovisa e Dergano a +6,9%;
Santa Giulia e Rogoredo a +5%;
Nirone e S. Ambrogio a +5%;
Fulvio Testi e Ca’ Granda a +4,9%;
Abruzzi – Romagna a +4,9%;
Gallaratese e Trenno a +3,8%;
Niguarda a +3,2%;
Turro e Precotto a +3,1%.
Tra le maggiori crescite ci sono anche quelle di
Fulvio Testi e Bicocca a +3,1%;
Istria e Maciachini a +2,9%;
Buenos Aires e Vitruvio a +2,9% e
Baggio e Quarto Oggiaro crescono del 2%.

AFFITTI IN DIMINUZIONE

Gli affitti subiscono invece una controtendenza, dovuta sopratutto
al crescente smart working e alle limitazioni sugli spostamenti
fra le regioni.
In centro le quotazioni calano del 11% per i monolocali e
del 20% per i bilocali.
Nella cerchia dei Bastioni discesa del 4% per i monolocali e
del 5% per i trilocali.
Resta un po’ più stabile il mercato degli affitti in Circonvallazione,
ma comunque in discesa per le tipologie come i quadrilocali e
le metrature più grandi, fino al 9%.
In periferia gli affitti calano del 3% per monolocali e trilocali e
del 2% per i bilocali.

HAI BISOGNO DI UNA CONSULENZA IMMOBILIARE O DI ARCHITETTURA?
VUOI UNA VALUTAZIONE RAPIDA E DETTAGLIATA DEL TUO IMMOBILE

CHIEDERE NON COSTA NULLA

SCRIVIMI UNA RICHIESTA VIA FORM QUI

Chiama subito Federico Musio
Consulente subito disponibile per qualsiasi informazione

INVESTIRE OGGI IN IMMOBILI DI LUSSO

Investire oggi in immobili di lusso
è una scelta giusta?

Con il periodo dell’emergenza sanitaria Covid che stiamo vivendo,
ciò che oggi si aggiunge come caratteristica rilevante, a rendere un immobile
appetibile sul mercato, è sicuramente l’aspetto smart, cioè tutto ciò che
riguarda le prestazioni tecnologiche dell’immobile, per un maggiore comfort
e una maggiore fruibilità degli spazi abitativi… visto anche che
ci siamo ormai abituati un po’ tutti, a causa delle varie chiusure e restrizioni,
coprifuoco compreso, a vivere maggiormente la nostra casa,
non solo come luogo di riposo a fine giornata lavorativa, ma spesso anche
come luogo di lavoro in smart working.

Quello degli immobili di lusso, è stato negli anni passati, un segmento colpito
dalla crisi, ma che sta ora raccogliendo maggior interesse,
da parte degli investitori.
Questo trend è evidente anche nelle locazioni, dove molti scelgono ancora
di puntare, per quello che riguarda questa fascia di immobili.

La domanda è quindi in crescita: nel corso del 2020, è stato riscontrato
un forte aumento delle richieste di immobili di prestigio, nelle grandi città e
nelle note località di villeggiatura.
Quello che attira quindi il mercato è il comfort, con maggiore e marcata richiesta
di spazi “sfogo” esterni(dal giardino, al terrazzo, balconi…) e, non di meno,
il comparto tecnologico, dove cresce la voglia di domotica e di avere
il supporto di assistenti digitali con intelligenza artificiale.

E’ giusto investire oggi
in immobili di lusso?
Dipende dalle caratteristiche

Le caratteristiche quindi ricercate oggi, per la fascia degli immobili di lusso, sono:
posizione esclusiva, metratura, capacità smart e domotica.
Queste sono caratteristiche ancora difficilmente riscontrabili tutte insieme
in un immobile, rendendo così, ancora una volta, la domanda più alta
dell’offerta.
Per questo non si prevedono nel breve termine, riduzioni per quanto riguarda
i canoni di affitto e neanche per quanto riguarda i prezzi di vendita,
sempre parlando delle grandi città e delle località di villeggiatura.

HAI BISOGNO DI UNA CONSULENZA IMMOBILIARE O DI ARCHITETTURA?
VUOI UNA VALUTAZIONE RAPIDA E DETTAGLIATA DEL TUO IMMOBILE

CHIEDERE NON COSTA NULLA

SCRIVIMI UNA RICHIESTA VIA FORM QUI

Chiama subito Federico Musio
Consulente subito disponibile per qualsiasi informazione

MILANO: le 5 trasformazioni nel centro

Milano diventerà, nella zona centro, una vera e propria area pedonale:
il progetto “Piano quartieri” prevede infatti ben 70 nuovi alberi e
14000 metri quadri di nuove aree pedonali, il tutto, per aumentare l’area
pedonale in concomitanza con l’apertura, nel 2022, della nuova fermata
metropolitana della linea M4 fermata San Babila, che si interseca con
la linea M1.

Piano quartieri, Milano, sindaco Sala. Il progetto di riqualifica della zona centro per aumentare area pedonale
bike mi milano area ciclo pedonale in zona centro e duomo san babila

Nel progetto naturalmente, sono previste anche molte aree bici,
la piantumazione di alberi e spazi per dare valore alle realtà culturali e
commerciali del centro e una nuova piazza in Largo Augusto.

milano piano quartieri costruiamo insieme il futuro della nostra città sindaco sala

Nel piano saranno 5 le zone che subiranno le trasformazioni
più significative:

PIAZZA SAN BABILA: diventerà interamente pedonale, avrà ben due fermate
della metropolitana, cioè M1 e M4.

CORSO EUROPA: sarà totalmente un viale alberato a senso unico ciclabile
e pedonale.
Sarà creata una ZTL per renderlo accessibile esclusivamente ai mezzi di trasporto
pubblico, ai taxi e ai mezzi di carico e scarico delle attività commerciali.

LARGO TOSCANINI: sarà zona pedonale con panchine e alberi.

VIA VERZIERE: sarà pedonale e con un doppio filare di alberi.

LARGO AUGUSTO: sarà pedonale, con una pavimentazione rinnovata in cubetti
di granito, avrà inoltre sedute, piante e sarà valorizzata con il collocamento
della colonna del verziere, nello stesso punto dove sorse in origine.

milano colonna del verziere largo augusto

Insomma, un po’ di novità piacevoli per chi ha una visione green e che,
sicuramente, si predispone alla futura mobilità urbana, fatta sempre di più,
di strutture e mezzi smart, all’insegna dell’impegno contro l’impatto ambientale.
Speriamo solo sia tutto ben organizzato, per non creare difficoltà di accesso alla city.

HAI BISOGNO DI UNA CONSULENZA IMMOBILIARE O DI ARCHITETTURA?
VUOI UNA VALUTAZIONE RAPIDA E DETTAGLIATA DEL TUO IMMOBILE

CHIEDERE NON COSTA NULLA

SCRIVIMI UNA RICHIESTA VIA FORM QUI

Chiama subito Federico Musio
Consulente subito disponibile per qualsiasi informazione

La nuova Penthouse “Leonardo Da Vinci” in Moscova

Penthouse Leonardo Da Vinci Moscova Milano

A Milano, la casa di super lusso, con piscina sul tetto
e ben 800 metri quadrati in zona centro

E’ stata terminata da pochi giorni la Penthouse “Leonardo Da Vinci” in zona Moscova.
Ben 790 metri quadrati, con piscina all’ultimo piano e un’impagabile vista sulla città.
Non é noto precisamente il prezzo dell’affitto mensile richiesto,
ma una nota della società Roseto Luxury, che gestisce questo immobile,
indica che le soluzioni hanno metratura dai 250 a 500 metri quadri e cifre che
partono da 6.000 fino ad arrivare a 30.000 euro mensili.

La nuova penthouse, di quasi 800 metri quadrati, é realizzata nella parte più esclusiva
della Residenza HabitariaGaribaldi95 ed é caratterizzata da una vista mozzafiato
a 360 gradi su Milano, dotata naturalmente di comfort unici e con un design
di altissimo livello.

HAI BISOGNO DI UNA CONSULENZA IMMOBILIARE O DI ARCHITETTURA?
VUOI UNA VALUTAZIONE RAPIDA E DETTAGLIATA DEL TUO IMMOBILE

CHIEDERE NON COSTA NULLA

SCRIVIMI UNA RICHIESTA VIA FORM QUI

Chiama subito Federico Musio
Consulente subito disponibile per qualsiasi informazione

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: